Mese: dicembre 2016

Casa da Dinà

Casa da Dinà

Odemira, Portugal

Dopo essere scesa nel pollaio a prendere le uova fresche, Dinà si mette ai fornelli per preparare tarte di fragole che i suoi ospiti gusteranno ancora tiepide, cestini di pane e croissant, spremute saporite, macedonie di stagione e caffè nella moka. Intanto Philippe serve ogni portata con l’eleganza innata di un uomo d’altri tempi. Poche stanze arredate con l’essenziale e raro buon gusto. Letto, scrittoio, lume, panca, plaid, vaso di fiori freschi. E una tela dell’artista di casa. Non lasciate Casa da Dinà prima di aver visitato l’atelier di Philippe e senza aver preso un po’ di vita dei suoi racconti.

La Granja Ibiza

La Granja Ibiza

Ibiza, Spain

I dinosauri del Sudamerica potrebbero aver raggiunto l’Australia attraverso l’Antartide. È la conclusione dell’analisi dei fossili di due specie di dinosauri molto grandi, trovati nel Queensland, in Australia. Ho il sospetto che sia stato il privilegio di collezionare passeggiate negli orti sbalorditivi del Babylonstoren in Sudafrica, di Gibb’s Farm in Tanzania, di Harald Gasser in Val d’Isarco, di svariate fattorie organiche della California del Nord, ho l’impressione che siano stati gli anni trascorsi a percorrere il mondo in su e in giù, a destra e sinistra, e annotare immagini di foglie, fiori e frutti, la mia grande scuola per varcare il cancello de La Granja, farmhouse mediterranea dall’anima esotica, e scambiare naturalmente qualche battuta sul raccolto del giorno con i suoi meravigliosi gagliardi contadini. L’insalata qui la raccolgono nel momento in cui la ordini alla finca, sotto gli occhi di Cocò, il maiale nero e del pony con cui divide serraglio e foglie di lattuga. E, in ogni grande “giardino di frutta e verdura” privato del mondo, cibarsi del verde tutto è un’attività di vista, palato, olfatto e tatto, alla quale ci arrendiamo istintivamente. A Ibiza poi il verde sa assumere, anche sotto alle nuvole, tinte audaci per un’isola che dista solo due ore di volo diretto da Milano.

Los Enamorados

Los Enamorados

Ibiza, Spain

Le foglie blu della Begonia pavonina aiutano la pianta a sopravvivere in ambienti poco illuminati. Roze e Pierre sembrano credere nei colori e nella loro potenza taumaturgica. E sanno padroneggiarli, al punto da sciogliermi completamente, fondermi al loro caleidoscopio. Cosa ho in comune con il ruggine di un tovagliolo di lino, lo smeraldo, i senape, il cremisi del lungo corridoio verandato, l’aragosta del granchio croquet sul mio letto, l’ocra lucido del bambu? Ho cercato la risposta nelle stanze levigate dei riad della Medina, nelle ceramiche più eccentriche di Francia, nei ricordi di posti non ancora vissuti in isole tropicali lontane. Los Enamorados è tante vite insieme. Ed è un amore travolgente, due amanti che aspettano le albe e i tramonti più dolci su un piccolo porticciolo di pescatori, protetti da un incrocio di rocce e della verzura…

Pap’Açorda

Pap’Açorda

Lisbon, Portugal

Lasciarsi alle spalle il caos del mercato coperto di Placa da Ribeira, salire al primo piano, sedersi in uno dei tavoli illuminati dall’ultima luce della sera lisboneta. Per una volta non aprire il menù per lasciarci consigliare da chi ci dà il benvenuto con ciotole di olive, frittelle, pane sapido, olio e sorrisi. Pap’Açorda è la seconda vita di uno storico ristorante del Barrio Alto. Lasciare uno spazio per la mousse di cioccolato (cit.).

The Independente Suites and Terrace

The Independente Suites and Terrace

Lisbon, Portugal

Da qualunque luogo arrivi, una sorta di affinità elettiva è il primo dono che Lisbona mi fa. Anche oggi che appoggio la valigia di fronte alla folla di turisti che affollano il Jardim de S. Pedro de Alcantara, che registro il mio nome in un ingresso rosso lacca, che salgo al secondo piano dentro uno scrigno toile de joy (il più antico ascensore della città). Interni aristocratici e atmosfera delabré di una suite dove, in un’altra epoca e in un’altra vita, mi sarei forse fermata per cominciare a scrivere la mia storia.

Back to site top