Alpe del Lupo

Como, Italy

Apr 2015

"Oggi mi hanno regalato un dente di lupo, un molare. Mi sono sempre chiesta da cosa nasce l’adorazione dei popoli nomadi per il lupo. Probabilmente dal rispetto per un avversario che conoscono profondamente. I nomadi sono cacciatori e allevatori, nella loro vita l’incontro con il lupo è cosa certa. I lupi sono ben organizzati, hanno un forte senso della disciplina, sono pazienti, veloci e intelligenti, sanno leggere i segnali della terra e parlare col cielo". Alessandra adora i lupi fin da bambina (anche i cavalli, ma più i lupi). Bisogna voler grattare la crosta delle cose per gridare a una scoperta ben celata. Levare la vernice spessa da boiseries intatte di fine Settecento, non fermarsi al fascino agée di un ramo del lago di Como d'inverno. Arriviamo a Alpe del Lupo che è quasi mezzanotte e il sentiero è ghiacciato. Due cani lupo, il rintocco delle campane fino a tarda notte, camini spenti (uno per ogni stanza), bacche di goji rosse su una tavola della colazione incantata. Il legno lavanda, lichene e rosa delle camere, lo studiolo, letti che profumano di sapone di Marsiglia, pavimenti antichi freschi sotto ai piedi. Alpe del Lupo è l'espressione di delicatezza, maestria, spiritualità atea delle cose e dei luoghi, eleganza umana, inno alla natura selvaggia e a quella disciplinata. 540 metri sopra il livello del lago calmo, nella Val d'Intelvi. 

alpedellupo.it

Parole Paola Corini

Ph. Eugenio Castiglioni

 

Back to site top