MAISON COLLONGUE

Provence-Alpes-Côte d'Azur, France

Giu 2015

Guillaume si trasferí a Parigi per studiare architettura, inizió a lavorare come graphic-designer e interruppe gli studi, ma promise a se stesso di realizzare almeno una volta nella vita un progetto di architettura. Maison Collongue è la realizzazione di questo compito. Un portone pastello aperto su un cortile dove comandano il bianco, il grigio pallido, il verde prato e la grazia innata di tutto ciò che nasce francese. Guillaume salta i convenevoli e ti conduce nel living dove è da poco cominciata una réunion de famille. Passiamo accanto a una una poltrona blu notte, a una serie di opere di Damien Hirst, a una cucina cemento e acciaio. Il progetto di Guillaume sorge tra le mura di una silk farm costruita tra il diciassettesimo e il diciannovesimo secolo, che oggi svela un paesaggio domestico in cui stanze e giardino, bianco e colore, dialogano attraverso un ritmo che ci appare perfetto. Il suono incessante dell'acqua che da secoli sgorga dalla fontana all'ingresso è il sottofondo in loop. Ti scalzi quasi subito. A piedi nudi sulle pietre antiche, sui tappeti svedesi, sulla resina, sull'erba. Nella tua stanza trovi biancheria di lino, una sedia di Jean Prouvé, prodotti biologici Maison Collongue per la toilette (uno dei progetti di Guillaume). Il tempo di infilarti il costume e sei in piscina, insieme a una banda di grilli e farfalle. Quando Guillaume ti raggiungerà con due bicchieri di rosé ghiacciato e olive nere speziate ti spiegherà che al rigore di un giardino  ha preferito la spontaneità di un campo abitato da piante autoctone. La colazione francese classica ha tanti pregi, nella sostanza e nella forma. Maison Collongue, opera prima di Guillaume architetto.

maison-collongue.com

 

Parole Laura Taccari

Foto Leone Di Sebastiano

 

Back to site top