Un’estate a parte

Gotland, Sweden

Mag 2014

Testo e foto: Laura Taccari

Ascoltare: Au Revoir Simone, Somebody Who

Ci avevano detto che ci sarebbe piaciuta. Ci avevano parlato di un litorale spartano oltre la pineta, di pedalate lungo sentieri di ghiaia, di un'atmosfera hippy allegra, di due ristoranti, uno più ricercato, uno più frick. Dopo esserci stati possiamo promettervi che Bungenäs è un'estate a parte, un luogo ispirante ed eccentrico, un promontorio dove pranzare con amici appena incontrati, una spiaggia dove non ci sono sdraio ma letti di ferro per addormentarti sotto agli alberi, un nome che avrai voglia di confidare solo a chi sai ne apprezzerà come te la magia. Per arrivarci si passa dal bosco, apri il cancello e lo richiudi dietro di te. Querce, pini, siepi, rovi come pareti del corridoio di una casa. Profumo di montagna sperduta, rami di luce tra i rami degli alberi. Esci e prendi una delle biciclette grigio pallido a scatto fisso sotto alla veranda. Bungenäs è scritto sulla canna come un tatuaggio sul braccio. Chiedi quanto costa affittarle, ti dicono nulla, sono free. Inizi una discesa delicata che poco dopo diventa salita e poi curva. Il mare riempie di nuovo lo sguardo e ti ricorda che sei a bordo di un'isola. Sali gli scalini della prima casa che incontri con lumini alle finestre di vetro antico, la boiserie ricopre tutto, aroma di vaniglia e cannella. Sorseggi caffè bollente servito dentro tazze del servizio di ceramica buona. Poi scendi sulla spiaggia, ti affidi al molo che dondola e chiudi gli occhi al sole. Per pranzo scegli il ristorante sulla sinistra, quello più easy. Lucine accese che inseguono gli spigoli, dentro e fuori. Una mostra di fotografia accanto alla cucina. Ordini al bancone un'insalata senza sapere che sarà l'insalata al salmone più buona della tua vita. Carne rosa arrostita sulla piastra in maniera perfetta, verdure appena scottate ancora croccanti, una vinagrette cremosa superba di cui non potrai mai indovinare gli ingredienti e aneto appena raccolto. Questo è Bungenäs.

 

visitsweden.com

Back to site top