Alentejo

São Lourenço do Barrocal

São Lourenço do Barrocal

Monsaraz, Portugal

Ranch di muri bianchi, campi dorati e ricordi in bianco e nero, dove le generazioni di una famiglia si susseguono da due secoli. Dove i vecchi arnesi e le scatole di lettere ingiallite sono promossi a decori. Dove la mattina il caffè (appena tostato) viene servito bollente dentro ampolle di vetro e ferro, dove le ceramiche sono fatte a mano e dipinte di un azzurro perfetto, dove il piccolo bazar è paragonabile ai nostri concept store parigini preferiti…

Villa Extramuros

Villa Extramuros

Arraiolos, Portugal

Amerete Villa Extramuros, un bianco cubo magico, posato nella verde campagna di Arraiolos: François e Jean-Christophe hanno scelto una grande terra di ulivi, arance, greggi di pecore al pascolo, fiori di campo spontanei e lì hanno costruito una stupefacente villa contemporanea, dove spazi e luce giocano con i materiali locali (marmo, sughero, calce bianca), con i tradizionali colorati tappeti (i mantas alentejanas di Mizette a Monsaraz), con gli scorci sul castello medievale e sull’infinity pool, con la fantasia e il calore di dettagli e arredi di una moderna casa parigina piena di stile. La colazione è servita in solidi piatti bruni di terracotta ed è un mélange divino di tradizioni francesi, mediterranee e portoghesi…

MERCEARIA GADANHA

MERCEARIA GADANHA

Estremoz, Portugal

Ci avevano dato un indizio: “Qualsiasi cosa ordinerete sarà incredibilmente buona”. Questo ristorante con drogheria gourmet è una tappa culinaria fondamentale di un viaggio nell’Alentejo e vi porterà a percorrere campagne tinte di fioriture viola e gialle, punteggiate di mucche al pascolo, ulivi, querce, cicogne, fino a una cittadina di una bellezza semplice e senza tempo, Estremoz, l’ennesima rivelazione del Portogallo interno. La cucina di Gadanha utilizza gli stessi ingredienti che avrete imparato a riconoscere e ricercare in questo paese – fave, prosciutto stagionato, gamberi, patate, funghi freschi, baccalà, aglio, coriandolo, riso, mandarino, olio evo, erbe – in maniera così integra e raffinata da restituire piatti-capolavoro, autentici e moderni insieme. Oltremodo prelibati. La terrazza e le sale da pranzo sono egualmente distinte da un connubio di tradizione e freschezza. Lascerete Estremoz e Gadanha mai sazi di paesaggi, villaggi e sapori di un Portogallo che in qualche modo richiama l’Italia rurale di ricordi splendidi.

LUAR DO JANEIRO

LUAR DO JANEIRO

Évora, Portugal

Nelle vie più minuscole e meno battute della famosa Èvora, chiedete di Luar do Janeiro e i locali ve lo indicheranno nel loro idioma. La porta a vetri del ristorante-trattoria si apre su una piccola sala quadrata che ospita una vetrina frigorifero dai ripiani colmi di dolci tipici fatti in casa, un unico grande tavolo tondo apparecchiato, un grande bancone che separa dalla cucina aperta dove le cuoche mettono in teglia le tradizionali pie di sfoglia al pollo e altre delizie nostrane. La sala principale è separata e silenziosa, i commensali eleganti sembrano essere frequentatori abituali. E quando il cameriere fa segno di accomodarsi la tavola è imbandita di quell’antipasto misto della casa che in Italia non prendiamo più quasi in considerazione e qui ha caratteristiche mitiche e desiderabili: formaggi stagionati di capra, olive, insalata di fagioli e tonno, funghi misti al coriandolo, pane cotto nel forno a legna, melone bianco e prosciutto iberico. Il menu è il trionfo di ogni arrosto di carne e pesce, preparato secondo le antiche ricette locali e servito in porzioni pantagrueliche. La frutta tropicale succosa non manca a Lisbona e dintorni – mango, ananas, melone – e dona a questo pasto “mare e monti” tipicamente continentale il fascino esotico d’isole lontane e di navi mercantili che vanno e vengono.

Back to site top