Nord America

Traveler’s Picks

Traveler’s Picks

by Micah P. Hinson

Per noi è e resta uno dei più struggenti songwriter del West, di quella cellula creativa nel polveroso Texas che ha per capitale Austin (della quale a Mph non interessa più di tanto parlare). Con quella voce che provoca un eco nel petto e quella fisicità scarna e “infantile”, che sfugge a ogni cliché. A dieci anni da Micah P. Hinson and the Gospel of Progress, per noi Micah continua ad avere -e ha ancora sul serio- circa trentanni e una giovane moglie (“The” wife) che ha chiesto in sposa su un palco durante una tournée…

Outstanding in the Field

Outstanding in the Field

Santa Cruz, USA

Riconnettersi alla terra e all’origine del cibo è una moda moderna, una moda che amiamo seguire. Siamo cresciute nei campi e, quando ci invitano a tornarci, ci infiliamo in fretta cotoni leggeri e partiamo. Outstanding in the Field è un’avventura culinaria all’aria aperta, un ristorante senza pareti. Un tavolo lunghissimo dove sedersi insieme per onorare il buon lavoro della natura e degli uomini.

Massachusetts, USA

Massachusetts, USA

by Holly Lynton

Holly, fotografa. “Faccio fotografie a colori su larga scala che parlano di quanto siamo disconnessi dalla natura e esprimono il mio intimo desiderio per una connessione più profonda attraverso fantasie in cui è stato raggiunto un equilibrio. A volte, rispondo spontaneamente a un evento. Altre volte, sono io che lo ricreo.” Recentemente, ha lasciato NY per trasferirsi nella campagna del Massachusetts.

SF

SF

San Francisco, USA

San Francisco comincia con un ponte rosso. All’inizio è una lingua di puntini, che sembrano impazienti di tuffarsi nell’acqua, poi piano piano si rafforzano, iniziano a diventare case, finestre, alberi gonfi, che fanno da orlo ai marciapiedi, tram, che vanno su e giù come in una pista giocattolo. Una bandiera americana in fondo, da qualche parte, si agita senza tregua…

Forage

Forage

San Francisco, USA

Supporta la comunità locale della San Francisco Bay Area e la raccoglie attorno al cibo che la natura offre. Attraverso diversi progetti, dei quali il nostro preferito forse è “the Wild Kitchen”: un ristorante “vagabondo”, un calendario di cene esclusive. 60 commensali attorno a un tavolo comune, 8 portate sfarzose, ognuna dedicata a un ingrediente selvatico edibile (“wild edible”). Seguendo le stagioni, i menu esplorano foreste e oceani. Noi riceviamo le loro newsletter e quando arriva una nuova Foraging Class sogniamo di unirci a questi saggi ragazzi per un’escursione per terra o per mare alla ricerca di cibo.

Kinfolk

Kinfolk

Portland, USA

I ritrovi della comunità di Kinfolk sono un invito all’impegno: impegno in nuovi talenti, in nuove relazioni e in un ristoro della comprensione del mondo che ci circonda. Kinfolk si rivolge a giovani artisti e “food enthusiasts”, concentrandosi su modi semplici di trascorrere il tempo insieme. Cucina, giardinaggio, culto della tavola e altre attività pratiche che abbelliscono la vita. Una guida per piccoli raduni.

The Fat Radish

The Fat Radish

New York, USA

Ci sono menù che ci piacciono al punto da emozionarci. Se cenassimo stasera al The Fat Radish ordineremmo, con molta probabilità, Chickpea Hummus, Beet Crumble e The Fat Radish Plate. Ma alla fine, rileggendo tutto ancora una volta, finiremmo per chiedere ai nostri amici di dividere le portate per raddoppiare la chance di assaggiare quasi tutto.

Isa

Isa

New York, USA

Noi ci siamo stati per il brunch, un sabato che NY era coperta di neve. L’odore di legna bruciata della stufa ci ha aperto la porta e non abbiamo potuto fare a meno di sorridere. Sembrava quasi di essere in un rifugio di montagna. Legno, tanto legno, design pulito e toni chiari di ispirazione scandinava. E poi a contrasto i colori accesi delle tende patchwork e dei menu artistici. Non mancate i soffici “panettone donuts” o la deliziosa granola con frutta fatta in casa.

Shima

Shima

Los Angeles, USA

La sera d’estate la strada principale di Venice Beach è affollata, allegra, rumorosa, vissuta. Shima è un piccolo, divino sushi bar in un cubo di vetro moderno. Superato il cancello, sembra di essersi rifugiati nel retro intimo di un appartamento. L’ambiente magicamente silenzioso, il servizio delicato. Sedute e stoviglie di colori pastello intensi, sofisticati e leggeri. La cucina è a vista, gli ingredienti ordinati in porzioni. La maestria ironica, le ricette superbe. Da provare gli spinaci saltati, tutti i rolls con brown rice e tartare di pesce, l’aragosta con avocado leggermente piccante.

Venice Beach House

Venice Beach House

Los Angeles, USA

Se è la vostra prima volta a Venice Beach, quando il vostro navigatore sarà quasi arrivato a destinazione, vi ricorderete che amate l’America perché non potrebbe essere Europa. Le strade sono un reticolo perfetto, Pacific Ave. è tagliata da piccole vie che danno sul retro di case basse, colore pastello, case di mare, con l’accesso dal garage. Contate fino alla 30esima strada e siete arrivati al Venice Beach House. La casa è una residenza storica, nascosta tra foglie d’edera. Chiedete l’Olympic Suite, la prima grande camera a piano terra, dove il legno antico scricchiola, la finestra è una veranda sul giardino, che è entrato in camera in forma di romantici tendaggi e stoffe fiorite. La spiaggia e il pontile sono dietro la prima fila di cottage, che vi proteggerà dal vento dell’Oceano.

Briar Patch Inn

Briar Patch Inn

Arizona, USA

Cabins mimetizzate tra le foglie, lungo un ruscello silenzioso. Gufo, Pettirosso, Aquila. Nel primo pomeriggio il sole scende dietro le montagne rosse e la proprietà resta in ombra, l’aria si fa fresca come in montagna. Legna da ardere per il proprio piccolo camino. Due belle pecore in un piccolo recinto. Colazione biologica ricchissima nella cabin comune, ancora legno, voci basse, lo scoppiettio del fuoco la mattina presto. A Sedona tutto ha un’aura di spiritualità, lentezza, filosofia new age e questo inn è un elegante ritiro nella tranquillità (è wifi solo la cabin principale, altrove non c’è rete). Speciale.

Chocolate Tree Organic Oasis

Chocolate Tree Organic Oasis

Arizona, USA

Cucina più honest di questa non ne abbiamo mai incontrata. L’intention del locale (che è anche take away e mini market) e della Family che lo gestisce è la seguente: “Chocolate Tree Organic Oasis è un Santuario dove ogni Essere può nutrire la propria autenticità”. L’atmosfera è decisamente new age. I piatti sono gustose combinazioni di ingredienti salutari, 100% organic, 100% homemade. Green Goddess Salad, Mediterrean Wrap, Veggie Burger, Kale Quinoia tra le Raw Cooked Deliciousness. Orto e amaca nel grande giardino sul retro. Superfood in un’oasi di pace, felicità e fiducia nell’umanità.

WYTHE HOTEL

WYTHE HOTEL

New York, USA

Manhattan è una carta da parati viva oltre l’Hudson. Nato la scorsa primavera all’interno di una fabbrica tessile dismessa bordofiume, a Williamsburg, il Wythe è una delle rivelazioni newyorkesi dell’anno. E se proprio non potete dormirci, almeno mangiateci: il Reynards Restaurant, cucina open-air con forno a legna e grill, serve daily-menus che badano alle stagioni. Il servizio in camera non è previsto.

Intelligentsia Coffee

Intelligentsia Coffee

Los Angeles, USA

A Silver Lake c’è una torrefazione dove i camerieri indossano gilet e cappello, miscelano tè e caffè come fossero cocktail, la fila per il proprio cappuccino con brioche e giornale è lunga, ordinata e silenziosa. Sono le sette di mattina di domenica e Griffith Park è vicino e perfetto per proseguire la giornata.

Creature del mare

Creature del mare

Los Angeles, USA

Sono quasi le sei di mattina e il jet lag è appena iniziato. In California è estate tutto l’anno. Non questo inverno, in un cottage di fronte alla spiaggia di Venice, dove l’oceano freddo entra in camera. Solo che ai piedi del letto ora vedi solo le tue Havaianas e pensi che probabilmente hai fatto una valigia stupida…

Load More
Back to site top