Svezia

Specieret

Specieret

Stockholm, Sweden

Bistrot gastronomico che confina con le pareti del pregiato Gastrologik e ne condivide le cucine, le ispirazioni e la personalità delicata. Tre piccoli community tables per una piccola unica sala vetrata e la rara capacità di rendere quel pasto comune appunto, ma personale. La grande lavagna di gesso a parete per un menù breve a cena e brevissimo a pranzo, ma che riesce sempre a riassumere le due anime di Svezia, terra e mare…

EKSTEDT

EKSTEDT

Stockholm, Sweden

It’s old school. Calore, fuliggine, cenere, fumo e fuoco, come unico metodo di cottura. Il profumo della brace per ore e le maniche di camicia check arrotolate per liberare mani svelte su pietanze minuziose. Betulla, pelle, rame, arenaria, legno. Crescere, da nord a sud, da Jämtland a Skåne. Inventare una cucina Scandinava strabiliante e servirla à la minute, in una danza fiabesca di coppe, tegami e taglieri mignon. Vorremmo che la gastronomia del futuro fosse così: un albero dal tronco robusto, rassicurante e poi rami nuovi, smaglianti, ipnotizzanti. Siamo entrati in una porta a vetri di una via anonima nella city di Stoccolma e si sono aperti mari, foreste, prati, campi della Svezia tutta…

Hotel Skeppsholmen

Hotel Skeppsholmen

Stockholm, Sweden

Dormire una manciata di notti d’inverno a Stoccolma e farlo aprendo gli occhi sull’alba albicocca della baia, oltre gli alberi magri, la banchina gelata e i velieri dell’isolotto di Skeppsholmen, è per noi uno dei modi più naturali di vivere la capitale svedese. Fingendo (neanche troppo) di essere ospiti di una pacifica residenza campestre, raggiungibile solo da un piccolo ponte e dal mare, a bordo di un battello. Lentamente, quasi a passo d’uomo…

Matsalen

Matsalen

Stockholm, Sweden

Se i ristoranti sono luoghi dove vengono serviti e consumati pasti nei vari momenti della giornata, il Matsalen (alta cucina gourmet), nella stupefacente cornice del Grand Hotel di Stoccolma, non è un “ristorante”, ma un olimpo di sperimentazione gastronomica, dove vivere esperienze culinarie one of a kind. Protagonista è la sapienza, la filosofia e la creatività dello chef stellato Mathias Dahlgren. Una cucina in cui tanto c’è della sua Svezia e tanto delle tradizioni e influenze apprese worldwide. Materie prime accordate con le stagioni, sapori magistrali inediti, presentazioni come opere d’arte. La sala è pervasa di quello stile nordico-contemporaneo dalle tinte impeccabili, che tanto seduce noi Europei del Sud: ricercato ma accogliente, colto ma rilassato. Da provare, nella medesima location, il Matbaren, gastro-bistrot eccellente e il Matbordet per una “here-and-now experience”, a tu per tu con lo chef all’opera.

Gastrologik

Gastrologik

Stockholm, Sweden

Siamo a Stoccolma, quartiere Östermalm, sono le 8 p.m. del 6 giugno 2014. Una sala raccolta, con tavoli vestiti di lino bianco, boiserie di rame, lastre di vetro smeraldo. Una cucina a vista oltre il bancone cangiante dal quale spuntano due bouquet di steli di campo. Giovani ragazzi (e una ragazza) con il grembiule color cioccolato scompaiono oltre il vetro, cercano un piatto dentro una nuvola di vapore, raccolgono fiori dai bouquet, affettano un pane nero, prendono una toma alle erbe e la chiudono dentro uno scrigno. Assistiamo a un ritmo di gesti che sono incarnazioni adulte di grazia. Le posate non servono, non adesso. Il menù è un foglio bianco, perchè ogni sapore sarà spiegato a parole con un amore radicale e dolce. Mordiamo veli di patate croccanti, che ci trasportano sopra un tappeto di foglie autunnali protetto da un groviglio di rami scandinavi. Dentro una scatola di legno è stata racchiusa una foresta. Alla fine del viaggio, non siamo ancora a Stoccolma e non sono le 11 del 6 giugno 2014. Siamo altrove e in un momento indefinito di un’epoca che, al di fuori di queste mura, deve ancora arrivare.

Un’estate a parte

Un’estate a parte

Gotland, Sweden

Ci avevano detto che ci sarebbe piaciuta. Ci avevano parlato di un litorale spartano oltre la pineta, di pedalate lungo sentieri di ghiaia, di un’atmosfera hippy allegra, di due ristoranti, uno più ricercato, uno più frick. Dopo esserci stati possiamo promettervi che Bungenäs è un’estate a parte, un luogo ispirante ed eccentrico, un promontorio dove pranzare con amici appena incontrati, una spiaggia dove non ci sono sdraio ma letti di ferro per addormentarti sotto agli alberi, un nome che avrai voglia di confidare solo a chi sai ne apprezzerà come te la magia. Per arrivarci si passa dal bosco, apri il cancello e lo richiudi dietro di te. Querce, pini, siepi, rovi come pareti del corridoio di una casa. Profumo di montagna sperduta, rami di luce tra i rami degli alberi…

Riassunto di Svezia

Riassunto di Svezia

Gotland, Sweden

Nelle nostre vite ci sarebbe stato un prima Gotland e un dopo Gotland. Mentre la gente affollava scampoli di isole mediterranee noi volavamo a Nord, prima Stoccolma poi Visby per trovarci dentro a una fiaba. Un ovale di terra verde adagiata sopra quel manto gelido che è il Mar del Nord…

QUESTO POSTO NON ESISTE

QUESTO POSTO NON ESISTE

Gotland, Sweden

Il Fabriken Furillen ti resta dentro e non ti lascia più. Gli scettici o i pragmatici ci domanderanno cosa ci può essere di speciale in un albergo di design dentro un’ex cava mineraria in un’isola sperduta del Nord. Noi risponderemo che solo arrivando fin qua potranno capire. Appena scendi dall’auto senti il desiderio di fermarti…

KUTENS BENSIN

KUTENS BENSIN

Fårö, Sweden

Fårö è un accento di terra sopra Gotland. Isola di isola, sorella minore. Arrivate qui in piena estate, prima del tramonto. Raggiungete Langhammarshammaren e sedetevi sui sassi accanto ai monoliti giganti che ammirano l’Ovest. Osservate la luce massima del Nord diventare flebile come una fiamma di candela e poi sparire…

Story Hotel

Story Hotel

Stockholm, Sweden

Lo Story Hotel è un valido riassunto della città in cui sorge. Giovane, eclettico, fresco. E anche nostalgico, rétro, romantico. I sofà della nonna convivono con i murales variopinti, le mattonelle bianche con i lavandini dai disegni orientali, il design nordico con i mobili in ferro battuto. In uno dei quartieri più vivaci della città.

Sturehof

Sturehof

Stockholm, Sweden

Sturehof è un bistrot con cucina svedese (e qualche accento di Francia) con bar e dj-set. Fuori sedie di paglia e tavolini tondi come a Parigi, dentro pareti carta da zucchero, una vetrata in cui si intuiscono pesci e coralli, tovaglie bianche, camerieri affabili…

Fabriken Furillen

Fabriken Furillen

Gotland, Sweden

Il primo contatto che stabiliamo con le cose è l’immagine e a volte arrivano dalle superfici le prime emozioni. Alla visione del Fabriken Furillen, nella penisola settentrionale di Gotland, restiamo incantati e commossi. In una terra abbandonata, ex cava mineraria, a nord del nord, l’uomo ha realizzato accoglienza e poesia. Di fronte mare, alle spalle foresta.

Fäviken Magasinet

Fäviken Magasinet

Jämtland, Sweden

Nella contea di Jämtland della Svezia centrale, esiste una versione moderna e a lieto fine della casa di Hänsel e Gretel. Fäviken Magasinet è un ristorante con stanze. Se anni fa la a cucina del giovane chef Magnus Nilsson era sulle labbra di svedesi ben informati che parlavano di un nuovo, distante posto a nord di Stoccolma (750 km), probabilmente il migliore del Paese, ora c’è una lista d’attesa ai tavoli di oltre due mesi. “Facciamo come si è sempre fatto nelle fattorie di montagna dello Jämtland; seguiamo i cambiamenti delle stagioni e le nostre tradizioni. Viviamo nella comunità.”. Nella periferia di un piccolo villaggio, al limite del bosco, c’era una volta.

Grythyttan Inn

Grythyttan Inn

Örebro, Sweden

Nel 1640 la Regina Kristina stabiliì che ci fosse una pensione ogni 70 km, lungo le strade principali del suo regno, e che ognuna fosse equipaggiata per ospitare tutte le classi sociali: nobili, mercanti e lavoratori. Il Grythyttan fu una di quelle locande che, dopo una storia lunga secoli, apre ancora oggi le porte ai forestieri. Fascino da fiaba, semplicità nordica, cura quasi commovente per i dettagli.

Back to site top